Rovasenda

Manes, in Statuto opportunità inespresse

"Troppo spesso sono le realtà locali ad autonomia differenziata a patire di più" il peso di "debiti e inefficienze" dovuti a "corto circuiti politici" che partono dal livello nazionale. Per questo, ha detto il presidente del Cpel, Franco Manes, "bisogna più che mai trovare il punto di caduta con lo Stato, definendo, in un quadro di leale collaborazione e di sussidiarietà verticale e certo non di sudditanza, le norme di attuazione, richiamando al tempo stesso tutte le opportunità inespresse dal nostro particolare ordinamento". Su questo fronte, ha spiegato a Verrès durante le celebrazioni per il 70/o anniversario dello Statuto speciale, il 72/o dell'autonomia e la Festa della Valle d'Aosta, "i rappresentanti parlamentari, gli amministratori regionali e locali potranno fare, lavorando insieme, una sostanziale differenza, e sono certo che tutti i nostri Comuni, dal più grande al più piccolo, potranno partecipare a questo percorso".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie